Studio in Firenze
Via G. Ricci, 12
tel. 055 45.64.027

SCUOLA MARCONI SCANDICCI

Qui trovi il mio Curriculum Vitae aggiornato..
Di seguito la presentazione di alcuni progetti svolti.

  • Intervento: Messa in sicurezza e ampliamento scuola elementare di G. Marconi
  • Tipo incarico: Coordinatore in fase di progettazione ed esecuzione dei lavori ex D. lgs 494/96 e s.m.i.
  • Committente: Comune di SCANDICCI

Il progetto ha previsto la riorganizzazione funzionale dell'edificio che è stato interamente destinato a scuola elementare, con l'utilizzo di n. 20 aule normali e n. 7 aule speciali, una biblioteca, spazi per insegnanti, gli archivi e la direzione.

Gli interventi più rilevanti sulla struttura riguardano:
- l'adeguamento sismico della stessa, con particolare riferimento alla palestra in cui è prevista la realizzazione di giunto sismico e l'inserimento di nuovi elementi controventanti in acciaio poggianti su micropali di fondazione
- la demolizione di un'ala dell'attuale edificio (ala nord), con ricostruzione di una nuova ala destinata ad uffici contigua allo stesso ma sismicamente indipendente rispetto all'edificio esistente
- la messa in sicurezza dell'edificio dal punto di vista sismico mediante l'introduzione di elementi murari atti a ridurre la caratteristica a telaio e il consolidamento di alcune murature portanti esistenti previa inserimento di doppia paretina in betoncino armato collegata alle strutture di fondazione e a quelle di coronamento
- la revisione e l'adeguamento dell'impianto idro-termo sanitario e il rifacimento completo di quello elettrico e antincendio

SCUOLA MARCONI SCANDICCI

SCUOLA MARCONI SCANDICCI
Copyright 2019 - Arch. Sonia Piazzini

Fig. 1 - Ala Palestra - realizzazione di giunto tecnico 'sismico' attraverso il taglio della muratura e della trave di correa e la messa in opera di struttura in elevazione in acciaio. Prescrizione: concordare le fasi con il Direttore Lavori strutture e puntellare durante le fasi di demolizione e taglio delle strutture esistenti

Analisi dei rischi
I rischi principali analizzati per il cantiere in oggetto si possono riassumere sinteticamente per l'opera in oggetto come di seguito:

1. Rischio amianto
2. Crollo delle strutture da demolire - cedimento di quelle adiacenti
3. Caduta dall'alto verso l'esterno del fabbricato in costruzione
4. Caduta dall'alto verso l'interno del fabbricato in costruzione
5. Caduta dall'alto dalle aperture nei solai o dai vuoti
6. Rischio di elettrocuzione e contatti diretti durante le demolizioni

Misure di sicurezza
Sulla base dei rischi analizzati, ho prescritto, nel PSC ed in corso d'opera le seguenti misure di sicurezza:

1. Le operazioni di bonifica rimozione e smaltimento dell'amianto verranno affidate a impresa specializzata previa presentazione di Piano di Lavoro alla ASL competente ed ottenimento di nulla osta ASL ai sensi D. lgs 277/91; durante tale lavorazione è vietata la presenza in cantiere di qualsiasi altro lavoratore o impresa; è vietato iniziare la demolizione del corpo di fabbrica prima della rimozione della copertura in amianto (lavorazioni in sequenza).

2. Il Direttore tecnico di cantiere dovrà verificare, prima dell'inizio di lavori di demolizione, le condizioni di conservazione e di stabilità delle varie strutture da demolire e realizzare, in base al risultato di tale verifica, idonee puntellature (atte a supportare i carichi residui); dovrà inoltre concordare con il Direttore dei lavori delle strutture, la cronologia delle demolizioni e le opere di rafforzamento e di puntellamento necessarie ad evitare che, durante la demolizione, si verifichino crolli. Le operazioni di demolizione dovranno essere assistite da un preposto.

3. Realizzazione di ponteggio regolamentare secondo le vigenti normative con fasi di montaggio in sequenza alla realizzazione dei piani dell'edificio: durante la realizzazione della nuova Palazzina uffici, il ponteggio dovrà essere completo su tutti i lati e chiudere completamente il blocco e dovrà essere mantenuto fino alla fine delle lavorazioni (intonaci, tinteggiature, finiture, ecc.). Per il resto dell'edificio i ponteggi potranno essere installati a blocchi avendo cura di chiudere e proteggere ciascuna sezione con parapetti di protezione.

4. Realizzazione di impalcati in legno e/o reti di sicurezza durante l'esecuzione dei getti e dei solai.

5. Predisporre idonei parapetti anticaduta nei vuoti in corrispondenza di solai, del terrazzo a sbalzo lato nord, delle scale, ecc.

6. Verificare, prima dell'inizio delle demolizioni la completa dismissione degli impianti elettrico, gas.

Prevenzione delle cadute dall'alto - REG. L.R. 1/2005 art. 82 c. 16
Sono stati inseriti su tutte le coperture dispositivi di ancoraggio conformi alle norme UNI EN 795/98 e certificati dal produttore.

richiedi informazioniCosa posso fare per te? Sono a tua disposizione per informazioni o preventivi gratuiti. Compila il modulo sottostante o scrivimi una .

*Nome:

*E-mail:

Ai sensi della legge italiana 196/2003 autorizzo l'Arch. Sonia Piazzini a trattare i dati inseriti per il soddisfacimento della mia richiesta.

Valid XHTML 1.1Valid CSS!